Biografia

Gianmarco Veruggio è uno scienziato robotico sperimentale, nonché uno studioso delle implicazioni etiche, legali e sociali della robotica e un visionario divulgatore degli scenari futuri conseguenti all’invasione robotica della società. Dedica gran parte delle sue energie a progetti di educazione e formazione delle giovani generazioni.

Nato a Sanremo, consegue la Laurea in Ingegneria Elettronica presso l’Università di Genova nel 1980. Ha svolto a Genova tutta la sua vita professionale, prima presso Ansaldo Divisione Automazione e poi presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Attualmente è Dirigente di Ricerca del CNR, Responsabile della Sede di Genova dell’Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (CNR-IEIIT).

Presso l’Istituto per l’Automazione Navale di Genova, crea il CNR-IAN Robotlab (1989-2002), mediante il quale progetta prototipi di robot e coordina Progetti di Ricerca, nazionali e internazionali, guidando personalmente numerose Campagne Sperimentali e Spedizioni Scientifiche in Mediterraneo, Antartide e Artico (il suo robot sottomarino ROBY2 è esposto presso il Museo Nazionale dell’Antartide di Genova).

Pioniere della Internet Robotics, nel 2002 consegue il primato di esplorare entrambi i poli con un robot sottomarino controllato via satellite per la prima volta al mondo tramite Internet.

Si dedica a progetti di divulgazione ed educazione e nel 2000 fonda a Genova l’associazione non profit “Scuola di Robotica” avente come scopo la promozione della cultura mediante attività di istruzione, formazione, educazione e divulgazione delle arti e delle scienze coinvolte nel processo di sviluppo di questa nuova scienza. L’associazione è oggi Ente Formatore MIUR ed è impegnata in numerosi progetti in collaborazione con scuole di ogni ordine e grado nonché enti e associazioni di settore.

Nel 2002 crea il termine Roboethics (Roboetica) e propone il concetto di un’etica applicata allo sviluppo della robotica per il progresso umano e sociale. È ideatore e organizzatore del “First International Symposium on Roboethics” (Villa Nobel, Sanremo, 2004), del “EURON Roboethics Atelier” (Genova, 2006) e autore della prima Roboethics Roadmap. È attualmente un punto di riferimento internazionale sul tema.

Oltre alla ricca produzione scientifica, ha pubblicato decine di articoli divulgativi, e ha tenuto numerose conferenze e interviste giornalistiche e televisive in ambito nazionale e internazionale. Ha collaborato con le principali iniziative di divulgazione scientifica, dal Festival della Scienza al TEDx.

Nel 2006 riceve Premio Regionale Ligure per l’Innovazione.

Nel 2009 riceve l’Onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Nel 2015 la Fondazione Rotary International gli attribuisce il titolo di Paul Harris Fellow per il suo tangibile e significativo apporto nel promuovere una miglior comprensione reciproca e amichevoli relazioni fra i popoli di tutto il mondo.